خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
A Bihać è in corso un'emergenza migranti
10
Mag
2018

A Bihać è in corso un'emergenza migranti

IPSIA insieme a Caritas italiana e Caritas ambrosiana è impegnata sin dal 2015 lungo la Balkan Route, con interventi di emergenza e di sostegno psico-sociale per le decine di migliaia di persone in fuga da guerra e dittature.
Dopo la Grecia, la Macedonia e la Serbia, è la Bosnia Erzegovina che da inizio 2018 ha visto crescere in modo esponenziale il numero di migranti, rifugiati e richiedenti asilo che attraversano il paese cercando di entrare in Europa. 
IPSIA con la Croce Rossa di Bihać si impegna a raccogliere e distribuire vestiti, scarpe, coperte, cuscini, materassini e il necessario per l’igiene personale e la distribuzione dei pasti.
Anche tu puoi agire con il tuo aiuto, sostieni subito Ipsia con una donazione.


Cosa sta succedendo a Bihać

La Balkan Route non è chiusa. Nelle ultime settimane alle centinaia di persone presenti in Bosnia, si aggiungono sempre più famiglie con bambini. Siriani, afghani e pakistani soprattutto, che da est e da sud, passando per la capitale Sarajevo, si dirigono verso la frontiera nord-occidentale con la Croazia per cercare di attraversare i confini verso l’UE. Ogni giorno le persone vengono respinte con violenza dalla polizia di frontiera, sono decine gli interventi di primo soccorso che vengono effettuati e i report di maltrattamenti che vengono registrati.
Dall’inizio di maggio a Bihać arrivano ogni giorno decine di persone, sono più di 200 i migranti sul territorio, senza ricovero, e i numeri sono destinati ad aumentare. 
La risposta delle autorità bosniache è carente e disorganizzata: con difficoltà si sta lavorando all'adattamento di uno spazio come centro di accoglienza e i volontari locali della Croce Rossa si impegnano ogni giorno per gestire questa nuova emergenza, insieme ai volontari in servizio civile di IPSIA e i Corpi Civili di Pace di IPSIA e Caritas

I numeri

Nei primi tre mesi del 2018, le autorità bosniache hanno registrato 1.036 ingressi nel paese, ma il numero reale sarebbe decisamente più elevato e di questi circa la metà si concentra nella zona di Bihać e Velika Kladuša, nel nord-ovest del Paese. 
Le strutture di accoglienza sono insufficienti, molti trovano rifugio in alloggi di fortuna. E per coloro che tentano di varcare le frontiere, si aggiungono i pericoli legati all’attraversamento delle zone minate risalenti alle guerre degli anni ‘90.
Anche l’UNCHR conferma che questi numeri siano destinati a crescere. La Croazia ha intensificato i controlli lungo le nuove zone di passaggio, dando il via a respingimenti con uso eccessivo di violenza, come testimoniano le parole dei migranti raccolte dagli operatori a Bihać
Attraversare le frontiere con la Croazia sarà sempre più difficile e il rischio è quello di creare un nuovo collo di bottiglia sulla rotta balcanica.

Cosa puoi fare?

Fai una donazione, condividi questa raccolta fondi e approfondisci e resta aggiornato su cosa succede.
Con il tuo contributo IPSIA acquisterà materiale igienico-sanitario, coperte, cibo e acqua per i bisogni primari dei migranti in transito.

Per fare una donazione

Fai una donazione online cliccando qui, con carta di credito e/o attraverso il tuo conto Paypal. 
Oppure fai un versamento con un bonifico bancario: IBAN IT35S0501803200000011014347 intestato a IPSIA (dettagli delle coordinate bancarie).

Per appronfondire

“A Bihać le persone hanno scelto come loro sede un ex dormitorio per studenti e un ospizio devastato lungo il fiume” , racconta Silvia Maraone, operatrice IPSIA, nella sua testimonianza sul campo. “E’ qui che ogni giorno un team di operatori e volontari della Croce Rossa di Bihać distribuisce pasti caldi, vestiti, scarpe”Continua a leggere.

Leggi anche l’approfondimento di Greta Mangiagalli e Giovanna Bizzarro, le due volontarie dei Corpi Civili di Pace, a Bihac da quasi un anno con il progetto di Caritas Italiana "Corpi Civili di Pace per la riconciliazione in Bosnia e Erzegovina" di cui IPSIA è partner.
Resta aggiornato anche su Facebook.com/ipsia.acli.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

La termoculla è arrivata a Leopoli!

La termoculla è arrivata a Leopoli!

This is the project, which will be saving the lives of kids. This is the true Christmas miracle. Thank you

Online il nuovo bando SCU 2022

Online il nuovo bando SCU 2022

Il 15 dicembre 2022 è stato pubblicato il Bando di Selezione per 71.550 operatori volontari suddivisi in 530 programmi di intervento, da realizzarsi in Italia, e 37 programmi di intervento...

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Da più di 5 mesi Anita, Irene, Fatima e Daniele (volontari in Servizio Civile in Bosnia Erzegovina) hanno iniziato il loro servizio al TRC di Lipa, una loro testimonianza

IPSIA SI RINNOVA! Assemblea soci 2022 con tante novità

IPSIA SI RINNOVA! Assemblea soci 2022 con tante novità

Sabato a Milano si è tenuta l’assemblea di rinnovo cariche di IPSIA che chiude i due mandati di Mauro Montalbetti come presidente e del direttivo

Migrazioni

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Da più di 5 mesi Anita, Irene, Fatima e Daniele (volontari in Servizio Civile in Bosnia Erzegovina) hanno iniziato il loro servizio al TRC di Lipa, una loro testimonianza

BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito - La prima conferenza

BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito - La prima conferenza

Giovedì 10 novembre 2022 si terrà la prima di tre conferenze inserite all’interno del progetto “BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito”

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Martedì 10 maggio, presso il TRC di Lipa a Bihać in Bosnia Erzegovina, sono stati inaugurati due nuovi spazi dedicati alla distribuzione di pasti e che saranno a disposizione di...

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Tutti riconosciuti come profughi, ma lontani da quasi 5 anni. Truffati e bloccati. “Vogliamo solo tornare a vivere insieme e dimenticare la guerra in Siria”