خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Dunde liñuy béy - Viviamo di ciò che coltiviamo
08
Feb
2022

Dunde liñuy béy - Viviamo di ciò che coltiviamo

Ricette per la valorizzazione dei saperi e sapori del Senegal.

Nel mese di dicembre, quando l'Unesco ha riconosciuto il tieboudiène (piatto senegalese a base di riso e pesce) come patrimonio culturale immateriale dell'umanità, è stato finalmente stampato il libro di ricetteDunde liñuy béy, Vivons de ce que nous cultivons”.

 "Viviamo di ciò che coltiviamo" è il motto del progetto “Rafforzamento delle cooperative di trasformazione per l'autosufficienza alimentare in Senegal”, promosso da IPSIA e AgriBio Services e finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Dieci microimprese di trasformazione agroalimentare della regione di Thiès, caratterizzate da una forte componente di genere, sono state le protagoniste di un percorso finalizzato a migliorare la qualità dei loro prodotti, aumentare le loro prestazioni e garantire la sicurezza dei consumatori attraverso la certificazione della produzione. Questo intervento di sviluppo ha posto attenzione sul valore aggiunto che costituisce la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli locali nella lotta alla riduzione della dipendenza dalle importazioni e dalla stagionalità della produzione agricola. 

Con un pizzico di novità e di spezie, quanto basta, questo ricettario nasce dal desiderio di promuovere il lavoro di centinaia gruppi di donne in Senegal e di esaltare la straordinaria ricchezza e tradizione culinaria e la grande varietà di frutta, verdura, cereali e legumi del Senegal. Anche se nel paese si nota un interesse crescente per la valorizzazione dei prodotti locali, infatti, risulta evidente come molti piatti tradizionali siano consumati solo fra le mura domestiche, e non trovino spazio nella ristorazione. Un cereale come il miglio, base dell’alimentazione familiare, e trasformato in molti diversi tipi di cous cous, non trova spazio nei menu, perché ritenuto un piatto “povero”. Eppure proprio un particolare cous cous di miglio è l’unico presidio Slowfood riconosciuto in Senegal! Un esempio del lavoro di sensibilizzazione in corso per far riscoprire ai consumatori la storia e la dignità degli ingredienti e dei piatti tradizionali, anche reinventandoli attraverso nuove ricette.

Come le 20 ricette proposte dalle microimprese partner di progetto. Queste microimprese femminili, registrate per lo più sotto forma di cooperative, rappresentano l'ossatura dell'attività di trasformazione alimentare locale in Senegal. Sono occasione di lavoro, emancipazione economica, luoghi di mutuo aiuto e costituiscono una rete di distribuzione capillare a basso impatto ambientale.

Insieme a questi gruppi di donne al ricettario ha lavorato l'intera équipe d'IPSIA operante in Senegal, con il contributo grafico di Laura Brassini e della giovane fotografa Ndoumbe Niang.

Il risultato di questa collaborazione è un viaggio tra la filiera agroalimentare in Senegal, con approfondimenti su alcuni dei prodotti trasformati dalle nostre beneficiarie: partendo da miglio, mais e niébé, si arriva ad anacardi, arachidi e manghi, passando per la moringa, il bissap, la menta, le giuggiole, il bouye ed altro ancora.

In questo itinerario vi proponiamo dei piatti che aggiungono un tocco di novità alla tradizione culinaria senegalese, come la “quiche di miglio ai porri” preparata da Rose durante l'atelier di cucina realizzato lo scorso novembre. A base di sankhal di miglio (una semola ottenuta attraverso una particolare lavorazione del miglio), questa ricetta ha dato nuova forma e gusto ad uno degli alimenti più consumati in Senegal, una vera gioia per le papille gustative!

Na rees ak diam!

Buon appetito!

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL RICETTARIO IN PDF

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Il Kenya a Milano

Il Kenya a Milano

IPSIA partecipa alla promozione dell’evento “Il Kenya a Milano”, organizzato dalla Rivista Africa a Milano venerdì 30 settembre 2022 (ore 18-22)

Corso di lingua e cultura SWAHILI

Corso di lingua e cultura SWAHILI

Dopo la pluriennale esperienza del corso di serbo-croato-bosniaco della nostra sede di Milano, IPSIA ha deciso di collaborare con la Rivista Africa per organizzare un corso online di introduzione alla...

Nasce IPSIA Kenya Magazine!

Nasce IPSIA Kenya Magazine!

Una pubblicazione pensata per dare visibilità ai progetti in corso e conclusi, i risultati raggiunti, l’impatto di queste iniziative sulla vita dei beneficiari.

Online il bilancio sociale 2021 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2021 di IPSIA

Nell’illustrare in brevi punti le attività di IPSIA nel 2021 nel settore della cooperazione allo sviluppo, possiamo riaffermare la centralità del continente africano e del tema delle migrazioni

Migrazioni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Martedì 10 maggio, presso il TRC di Lipa a Bihać in Bosnia Erzegovina, sono stati inaugurati due nuovi spazi dedicati alla distribuzione di pasti e che saranno a disposizione di...

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Tutti riconosciuti come profughi, ma lontani da quasi 5 anni. Truffati e bloccati. “Vogliamo solo tornare a vivere insieme e dimenticare la guerra in Siria”

Appello all'UE: Ripristinare i diritti e i valori alle frontiere dell'Europa

Appello all'UE: Ripristinare i diritti e i valori alle frontiere dell'Europa

Come società civile europea che si occupa di asilo, migrazione, assistenza umanitaria e diritti umani, siamo sconvolti dalla crisi umanitaria tra l'UE e la Bielorussia

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori