خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa
12
Feb
2021

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Per i profughi di Lipa un refettorio da campo e in programma l’acquisto di un’ambulanza e farmaci.
«Siamo molto soddisfatti, questo intervento è un decisivo passo in avanti, che permetterà ai richiedenti asilo di affrontare un po’ meglio il gelo dell’inverno», spiega Silvia Maraone nostra operatrice che collabora con Caritas e coordina i lavori dividendosi tra la cittadina bosniaca e le alture in questi giorni coperte di neve dove si trova la tendopoli.

La situazione nella nuova tendopoli resta drammatica non c’è posto per tutti. Manca acqua corrente ed elettricità.
La scorsa settimana sono cominciati i lavori per la posa di un refettorio da campo a Lipa. Il tendone permetterà ai circa 900 profughi che vivono sull’altopiano bosniaco di poter consumare il pasto in un posto riscaldato e coperto.
Dopo la distribuzione di legna da ardere, nei primi giorni dell’emergenza, l’intervento di IPSIA, Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana entra in una nuova fase. Grazie all’accordo con le autorità locali, la realizzazione della nuova struttura finanziata da tanti sostenitori italiani, permetterà di migliorare le condizioni di vita dei profughi.
A questo scopo IPSIA, Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana hanno anche offerto la loro collaborazione per assicurare un’assistenza sanitaria adeguata indispensabile tanto più in un contesto come quello attuale che espone i migranti al rischio di contagio da Covid 19: saranno garantiti farmaci e verrà acquistata e donata all’ospedale cittadina un’ambulanza.
Nonostante gli ultimi interventi delle autorità la situazione continua a rimanere drammatica. Nei giorni scorsi, infatti ha ripreso a nevicare abbondantemente e la temperatura è scesa parecchi gradi sotto lo zero. Una parte dei profughi vive ancora in baracche di fortuna costruite da loro stessi con la legna recuperata nel bosco. Ma anche coloro che hanno trovato posto nella nuova tendopoli allestita dall’esercito bosniaco dopo l’incendio dell’antivigilia di Natale, vivono al freddo perché le tende non sono riscaldate. Quando la Croce Rossa locale porta il cibo, una volta al giorno, occorre mettersi in fila e attendere per ore, esposti alle intemperie, il proprio turno. Nel nuovo campo, inoltre, mancano ancora gli allacci idrici ed elettrici e l’acqua potabile deve essere trasportata su camion cisterna. I bagni chimici sono insufficienti e resi inutilizzabili dalle temperature. In queste condizioni, sono aumentati i casi di scabbia e le malattie da raffreddamento e si sono verificati anche alcuni casi, fortunatamente lievi, di assideramento.

Cosa è successo
Il 23 dicembre un incendio ha distrutto la tendopoli di Lipa, località sulle alture alle spalle della cittadina di Bihac in Bosnia Erzegovina. Gli ospiti hanno costruito ripari di fortuna con quello che era rimasto delle tende. Per tre settimane sono stati abbandonati a loro stessi. Per tutto questo periodo Caritas Italiana, Caritas Ambrosiana e Ipsia sono intervenuti distribuendo legna da ardere per permettere alle persone di riscaldarsi. A gennaio il governo di Sarajevo ha inviato l’esercito che ha ricostruito una tendopoli. Al momento le tende non sono però ancora sufficienti per tutti e non garantiscono in ogni caso una soluzione adeguata perché non sono riscaldate. Il nuovo accampamento non ha acqua corrente e non è servito da impianti elettrici. Dopo un primo tentativo di trasferire i profughi a Bihac, fallito per l’opposizione del sindaco e delle autorità cantonali, il governo ha stabilito che il campo Lipa diventerà nei prossimi mesi un “Official Reception Centre” e ha affidato nuovamente la gestione all’OIM (Organizzazione Internazionale delle Migrazioni) che aveva abbandonato la tendopoli prima che le fiamme la distruggessero. Seguendo l’evoluzione della situazione, grazie anche agli accordi con le autorità locali Caritas e Ipsia sono passati ad un intervento più strutturato per far fronte ai bisogni alimentari e sanitari.

Il contesto
La crisi migratoria in Bosnia, purtroppo, non riguarda solo il campo di Lipa. È noto che i centri di accoglienza ufficiali sono sovraffollati e non c’è spazio per tutti. Circa 3.000 persone sono costrette a vivere in case abbandonate, in ripari di fortuna (anche nei boschi) in condizioni molto gravi. Una situazione, tra l’altro, aggravata dai violenti respingimenti alla frontiera della polizia croata denunciati anche al Parlamento Europeo che impediscono ai migranti di proseguire il loro viaggio in Europa.

Come contribuire
Per sostenere l’economia locale e evitare procedure doganali complesse e spese di trasporto e sdoganamento costose, IPSIA e Caritas Ambrosiana non raccolgono o spediscono gli aiuti umanitari dall’Italia ma li acquista in loco.

Per sostenere i nostri progetti in Bosnia Erzegovina: https://sostieni.ipsia-acli.it/crowd/balkan-route/

Oppure:
BANCA POPOLARE ETICA
IBAN: IT35S0501803200000011014347
INTESTATO A: IPSIA
Codice BIC Swift: CCRTIT2T84A

CONTO CORRENTE POSTALE
Numero: 1051449377
Intestato a: Istituto Pace Sviluppo Innovazione ACLI – IPSIA
Bonifico postale: IT60C07601600001051449377

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Giovedì 8 aprile ore 20.00

Giovedì 8 aprile ore 20.00

L’IMPEGNO DEL REGIOConcerto di solidarietà a sostegnodell’emergenza profughi in Bosnia Erzegovina

Nuovi beneficiari per le borse di studio!

Nuovi beneficiari per le borse di studio!

Nonostante tutte le difficoltà del periodo, è attivo un nuovo biennio di attività per sostenere i beneficiari nei primi due anni della scuola superiore, per molti l'ostacolo maggiore del mondo...

Fra cosmesi e trasformazione alimentare

Fra cosmesi e trasformazione alimentare

Proseguiamo il percorso di conoscenza del progetto Coltivare il futuro in Kenya e del nostro partner locale raccontando di una seconda filiera sostenuta dall’iniziativa in corso, quella dell’Aloe secundiflora, 

Il pesce, la canna...e il peschereccio

Il pesce, la canna...e il peschereccio

“Quando i missionari giunsero, gli africani avevano la terra e i missionari la Bibbia. Essi ci dissero di pregare a occhi chiusi. Quando li aprimmo, loro avevano la terra e...

Migrazioni

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Un intervento decisivo e un ottimo passo in avanti, che permetterà ai richiedenti asilo di affrontare un po’ meglio il gelo dell’inverno

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

In questo momento la situazione delle persone a Lipa è prioritaria e IPSIA ha deciso di prolungare e rilanciare la campagna di raccolta fondi

You will see…

You will see…

Dal blog di Silvia Maraone, un racconto di un viaggio davanti all’ennesimo bicchiere di tè bollente, di uno tra i troppi minori non accompagnati che da anni attraversano le frontiere della...

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina

In occasione della giornata mondiale del migrante e del rifugiato Papa Francesco ha deciso di inviare un segno concreto di sostegno ai migranti