خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Tratta da Il Fatto Quotidiano Tratta da Il Fatto Quotidiano
09
Lug
2018

Accordo Macedonia-Grecia

A cura di Martina Catini

 

Accordo Macedonia-Grecia

Ieri il Parlamento macedone ha ratificato per la seconda volta l'accordo preliminare sul cambio del nome della Macedonia in Repubblica di Macedonia settentrionale, che è stato ufficialmente firmato con la Grecia in un incontro sul versante greco del Lago di Prespa, il 17 giugno. A questo riguardo, infatti, alla presenza dell'Alto rappresentante UE Federica Mogherini e del Commissario europeo all'allargamento, Johannes Hahn, i due primi ministri, rispettivamente della Macedonia, Zoran Zaev, e della Grecia, Alexis Tsipras, hanno siglato il documento d'intesa, dopo il voto favorevole arrivato dal Parlamento greco. L'Alto rappresentante dell'UE si è espressa così in occasione della firma dell'accordo: '(l'accordo di oggi) è un esempio e un modello per gli altri leader dei Balcani occidentali. Qualsiasi controversia si può risolvere con il dialogo'. Questo incontro storico contribuisce a chiudere definitivamente una disputa tra i due paesi, sorta quando, nel 1991, la Repubblica di Macedonia dichiarò con tale nome la sua indipendenza dalla Jugoslavia. La Grecia si è sempre opposta all'adozione di tale denominazione, che richiamava una delle sue regioni settentrionali, un tempo culla dell'impero di Alessandro Magno il Macedone, ritenendo che la 'Macedonia' appartenesse esclusivamente al patrimonio culturale e storico ellenico. Atene temeva infatti che il paese vicino potesse far valere delle pretese territoriali nei suoi confronti, anche se Skopje assicurò di non avere nessuna aspirazione sui territori greci, inserendo nella propria costituzione un emendamento ad hoc. Nonostante ciò, la Grecia ha fino ad ora bloccato la richiesta della Macedonia di adesione alla Nato e all'Unione Europea e ha consentito al suo vicino di entrare a far parte delle Nazioni Unite solo tramite l'adozione della denominazione provvisoria dell' 'Ex repubblica jugoslava della Macedonia' (Fyrom). Attualmente la Macedonia si dimostra ben disposta a negoziare con la Grecia sul proprio nome, per assicurarsi un posto nell'UE (anche nella NATO) e, ieri, dopo l'intesa preliminare tra i due paesi, si è svolta per la seconda volta, in seno al Parlamento macedone, la votazione per l'approvazione della modifica della denominazione, con 69 voti a favore su un totale di 120 deputati che compongono il Parlamento. I rappresentanti dell'opposizione hanno lasciato l'aula durante la votazione in segno di protesta contro l'accordo, visto che, in base alla Costituzione, se il parlamento ratifica una legge per una seconda volta, il presidente della Repubblica non può esimersi dal firmarla. Già, subito dopo l'incontro tra i due paesi, il presidente conservatore della Macedonia, Gjorgje Ivanov, aveva già affermato di non voler firmare il documento d'intesa, definendolo incostituzionale e nocivo per gli interessi del paese. Comunque, se anche il Presidente dovesse sottoscrivere l'accordo, all'interno del Parlamento greco le forze politiche nazionaliste potrebbero vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad ora e che eventualmente verranno fatti, esprimendo opposizione all'eliminazione del veto all'ingresso della Macedonia nell'UE.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Somar

Somar

Venerdì 30 luglio alle 18 si terrà la presentazione ufficiale della piattaforma web Somali Medical Archive

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Con questo primo testo inauguriamo una rubrica dedicata allo sguardo dei nostri volontari in Servizio Civile. Partiamo con Bianca, Cecilia, Rossana e Tommaso in servizio a Bihac, Bosnia Erzegovina

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Un anno che ha segnato e segnerà per sempre la nostra vita e la nostra memoria, inevitabilmente negli anni a venire, il 2020 ci apparirà come uno spartiacque simbolico

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Migrazioni

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Un report per rendere conto pubblicamente del nostro impegno, della nostra attività insieme alle persone in cammino lungo la rotta balcanica

Li vedi camminare, sempre

Li vedi camminare, sempre

E’ un popolo in cammino. Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato, celebriamo il vuoto esponenziale di una cultura abituata sempre di più a dividere, anziché unire. Un...

Chiara e Silvia

Chiara e Silvia

A Lipa assistiamo quotidianamente alle conseguenze dei numerosissimi push-back, evidente è il trauma del non comprendere perché sono stati fatto oggetto di una tale violenza senza motivazioni