خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Il GIE Niakk Jarinu all'evento del progetto PAISIM a Dakar Il GIE Niakk Jarinu all'evento del progetto PAISIM a Dakar
20
Lug
2018

Fare impresa sociale in Senegal

Le imprese sociali selezionate e supportate nel progetto PAISIM, co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, si attivano nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, della trasformazione alimentare dei prodotti locali e nella commercializzazioni di tali prodotti. Il progetto accompagna il percorso di queste microimprese rurali verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale valorizzando l’impatto sociale e il contributo allo sviluppo socio-economico delle loro comunità.

Durante il primo anno di progetto, realizzato in Senegal in collaborazione con l’ONG CISV, RE.TE, l’associazione Sunugal, la fondazione Etimos e altri partner italiani e senegalesi, è stata condotta un’analisi delle caratteristiche e dei bisogni delle 210 microimprese rurali selezionate nelle regioni di Thiès, Louga e Saint Louis. L’analisi ha permesso di mettere in luce le azioni sociali che i promotori di queste microimprese individuali o collettive  (soprattutto nella forma dei GIE Gruppi di Interesse Economico) portano avanti nei loro territori attraverso il reinvestimento dei profitti in strutture comunitarie (scuole, ambulatori, luoghi di culto) e l’offerta di servizi per i membri della microimpresa e per la comunità allargata come prestiti solidali, copertura delle spese sanitarie, acquisti collettivi di derrate alimentari per il villaggio di appartenenza. Spesso, queste imprese sociali sono gli  attori principali nella cura e salvaguardia del loro territorio portando avanti iniziative di riforestazione, pulizia e manutenzione delle campagne. Le conoscenze e le competenze acquisite sono condivise attraverso formazioni comunitarie indirizzate soprattutto ai giovani e alle donne.

Un esempio è il GIE Niakk Jarinu, avviato da Coumba Yombe Seck nel quartiere Diakhao di Thiès, che si occupa della trasformazione di cereali locali come il miglio, il mais, la manioca. Il gruppo, composto da 35 donne, dispone di un’unità di trasformazione e, oltre a offrire opportunità di formazione professionale e inserimento lavorativo alle donne del quartiere, organizza attività di sensibilizzazione e prevenzione sanitaria e prestiti solidali. Il progetto ambizioso è di finanziare l’avvio di un centro di formazione e socializzazione per giovani donne non solo nel settore della trasformazione agro-alimentare ma anche sartoria e informatica.

Non di rado, a tutte queste pratiche e azioni sociali non corrisponde una conoscenza del concetto dell’impresa sociale e un’adeguata consapevolezza sul contributo che queste azioni portano allo sviluppo comunitario. Per questa ragione, si è ritenuto necessario cominciare un percorso di riflessione con i promotori delle microimprese rurali per costruire la loro identità di imprese sociali e valorizzare le loro iniziative sul territorio. A partire da queste realtà sarà possibile sensibilizzare anche il resto della società e sollecitare un dibattito sul riconoscimento giuridico delle imprese sociali, che oggi si riconducono a diverse forme giuridiche di impresa.

210 imprese sociali messe in rete in tre regioni del Senegal possono rappresentare una massa critica e contribuire ad una seria discussione sul tema, creando ulteriori relazioni con le numerose imprese sociali già esistenti. È questo quindi il percorso iniziato dal progetto e il suo valore aggiunto.

 

 

 

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

11 marzo ore 17:30

11 marzo ore 17:30

La transizione ambientale urbana: esempi di progettazione partecipata tra Europa e AfricaGiovedì 11 Marzo 2021, ore 17:30-19:00 - Zoom e Diretta Facebook

Al via la collaborazione con la FCEI per Lipa

Al via la collaborazione con la FCEI per Lipa

IPSIA rafforza il suo impegno in Bosnia grazie alla nuova collaborazione con il programma Mediterranean Hope della Federazione delle chiese evangeliche in Italia

Dossier Altreconomia

Dossier Altreconomia

Un dossier per rompere il silenzio denunciando quanto sta avvenendo sulla Rotta Balcanica curato dalla rete RiVolti ai Balcani composta da oltre 35 realtà, tra cui IPSIA e Altreconomia. Il...

Laboratorio di phototherapy

Laboratorio di phototherapy

Il Centro educativo Fuoriclasse ha proposto nel momento dedicato ai laboratori degli incontri sulla phototherapy, rivolti ai beneficiari delle scuole medie inferiori

Migrazioni

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Un intervento decisivo e un ottimo passo in avanti, che permetterà ai richiedenti asilo di affrontare un po’ meglio il gelo dell’inverno

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

In questo momento la situazione delle persone a Lipa è prioritaria e IPSIA ha deciso di prolungare e rilanciare la campagna di raccolta fondi

You will see…

You will see…

Dal blog di Silvia Maraone, un racconto di un viaggio davanti all’ennesimo bicchiere di tè bollente, di uno tra i troppi minori non accompagnati che da anni attraversano le frontiere della...

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina

In occasione della giornata mondiale del migrante e del rifugiato Papa Francesco ha deciso di inviare un segno concreto di sostegno ai migranti