خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"
05
Apr
2016

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

Questa settimana, un gruppo di 6 studenti, fra 15 e 18 anni, italiani e immigrati, sono in giro per le scuole del Trentino per presentare lo spettacolo di teatro “Scacco Matto Afghanistan”, ideato e realizzato da loro stessi sotto la direzione del regista Michele Trotter e dell'educatore Matteo Petrolli.

L'iniziativa è promossa da IPSIA del Trentino (Istituto Pace Sviluppo e Innovazione delle ACLI) come attività di sensibilizzazione sul tema dell'emergenza profughi prevista nel progetto di cooperazione internazionale “Emergenza rifugiati sulla Western Balkan Route - Intervento di sostegno umanitario ai rifugiati”, finanziato dalla Giunta Provinciale e l'Assessorato alla Cooperazione allo Sviluppo della Provincia Autonoma di Trento.

Lo spettacolo, con la durata di appena 45 minuti, ripercorre le tappe del viaggio di un giovane rifugiato dall’Afghanistan all’Italia. Prima la vita in un paese dell’Afghanistan, dove matura la decisione di partire; quindi il viaggio attraverso le montagne; poi la vita randagia e solitaria in Grecia in attesa di un’occasione propizia per attraversare il Mediterraneo; quindi i viaggi clandestini in mare e sugli autocarri; infine l’arrivo in Italia e finalmente, a distanza di due anni, la voce della madre all’altro capo del telefono.

Originariamente, lo spettacolo è stato realizzato nell'ambito del "Laboratorio Teatro e Convivenza", organizzato dal Comune e dalla Parrocchia di Denno in collaborazione con la Cooperativa Sociale Casa Zambiasi Coop e con l'appoggio del Cinformi.

A interpretare la storia di Mohamed  sono i giovani attori Andrea Dalpiaz, Nader Bouaouni, Linda Cova, Madalena Lima, Michele Martini e Silvia Berlanda, tutti della Bassa Val di Non.

Hanno aderito all'iniziativa che sta coinvolgendo circa 600 studenti e prevede anche momenti di riflessione e dibattito in seguito allo spettacolo: Liceo G. Prati di Trento, ENAIP Villazzano, ENAIP Borgo Valsugana, Liceo Martino Martini di Mezzolombardo e Liceo F. Filzi di Rovereto.

Il progetto “Emergenza rifugiati sulla Western Balkan Route” viene realizzato nel confine tra la Serbia e la Macedonia. A Presevo, in Serbia, si tratta di un intervento umanitario con l'obiettivo di ridurre il disagio dei rifugiati e dei migranti (circa 650.000 persone, 6.000 arrivi al giorno) durante il loro viaggio e soggiorno in Serbia lungo la Western Balkan Route / la rotta balcanica occidentale.

In partenariato con la Caritas Serbia, IPSIA del Trentino vuole garantire migliore accesso e distribuzione degli aiuti umanitari (cibo, materiale igienico sanitario, protezioni dagli agenti atmosferici) in particolare per i gruppi vulnerabili (anziani, donne, bambini) della popolazione migrante migliorando al contempo anche la logistica e i servizi di supporto sociale nei centri di registrazione e transito.

Ancora con il contributo dell'Assessorato alla Cooperazione allo Sviluppo della Provincia Autonoma di Trento, IPSIA del Trentino sta ristrutturando un albergo in una area “pacificata” nei pressi di Sevaré, in Mali. Trattasi di una zona abbandonata negli ultimi anni a causa sia di ebola che di guerra. L'obiettivo è quello di dare ospitalità ad una cinquantina di ragazze di famiglie che vivono in zone di guerra e che sarebbero altrimenti impossibilitate a frequentare la scuola. Il progetto “Hotel de la Paix” è su proposta della associazione locale Giru-Yam. “Alla base l’idea che la cultura, la scuola e il lavoro possono arginare il terrorismo, contrastare gli estremismi religiosi e migliorare le condizioni di vita delle donne”, dice il presidente di IPSIA del Trentino Fabio Pipinato.

Contatti:
Paulo Lima: 348 193 6763
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

La termoculla è arrivata a Leopoli!

La termoculla è arrivata a Leopoli!

This is the project, which will be saving the lives of kids. This is the true Christmas miracle. Thank you

Online il nuovo bando SCU 2022

Online il nuovo bando SCU 2022

Il 15 dicembre 2022 è stato pubblicato il Bando di Selezione per 71.550 operatori volontari suddivisi in 530 programmi di intervento, da realizzarsi in Italia, e 37 programmi di intervento...

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Da più di 5 mesi Anita, Irene, Fatima e Daniele (volontari in Servizio Civile in Bosnia Erzegovina) hanno iniziato il loro servizio al TRC di Lipa, una loro testimonianza

IPSIA SI RINNOVA! Assemblea soci 2022 con tante novità

IPSIA SI RINNOVA! Assemblea soci 2022 con tante novità

Sabato a Milano si è tenuta l’assemblea di rinnovo cariche di IPSIA che chiude i due mandati di Mauro Montalbetti come presidente e del direttivo

Migrazioni

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Da più di 5 mesi Anita, Irene, Fatima e Daniele (volontari in Servizio Civile in Bosnia Erzegovina) hanno iniziato il loro servizio al TRC di Lipa, una loro testimonianza

BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito - La prima conferenza

BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito - La prima conferenza

Giovedì 10 novembre 2022 si terrà la prima di tre conferenze inserite all’interno del progetto “BRAT: Balkan Route Accoglienza in Transito”

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Martedì 10 maggio, presso il TRC di Lipa a Bihać in Bosnia Erzegovina, sono stati inaugurati due nuovi spazi dedicati alla distribuzione di pasti e che saranno a disposizione di...

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Tutti riconosciuti come profughi, ma lontani da quasi 5 anni. Truffati e bloccati. “Vogliamo solo tornare a vivere insieme e dimenticare la guerra in Siria”