Stampa questa pagina
Emergenza Covid in Somalia
21
Apr
2021

Emergenza Covid in Somalia

La situazione di emergenza sanitaria ha conosciuto in Somalia e nel Corno d’Africa un forte aumento nelle ultime settimane, arrivando a quasi 12mila casi di cui oltre 6mila attivi (fonte Mapping the coronavirus pandemic in Africa).

Il governo ha avviato la campagna vaccinale lo scorso 16 marzo grazie a 300mila dosi di vaccino AstraZeneca, di cui 90mila destinate alla capitale Mogadiscio, ricevute grazie all’iniziativa Covax dell’OMS.

La campagna ha però dovuto affrontare difficoltà di ordine logistico e gestionale, nonchè le resistenze della popolazione, a fronte di critiche espresse circa la validità di un vaccino che ha subito limitazioni nei paesi europei, e diffuse da vari canali informativi e social.

Un aiuto è invece arrivato dalla diaspora somala presente in molti paesi: numerosi medici somali della diaspora sono oggi presenti nel paese, mettendo le proprie competenze a servizio del governo e della popolazione. Fra questi anche medici somali che hanno studiato e lavorato in Italia.

Anche AMEB e il progetto Scambio Operatori Sanitari sono stati sollecitati dal Ministero della Sanità Somalo per un supporto. Dopo la missione realizzata a dicembre in Somaliland il dott. Abdulahi Jama Abib, già impegnato in Italia nella campagna vaccinale e nella gestione dell’emergenza presso la Fondazione Don Gnocchi a Milano, ha raggiunto Mogadiscio due settimane fa per supportare il Ministero nella gestione della campagna di vaccinazione.

Il medico è al momento impegnato nel monitoraggio dei centri di vaccinazione della capitale e nel lavoro al reparto Covid dell’ospedale De Martino di Mogadiscio. Ma una parte consistente del suo impegno è anche dedicata alla partecipazione a iniziative di sensibilizzazione, fra cui un programma dedicato alla situazione pandemica dalla TV somala lo scorso 2 aprile insieme alla dott.ssa Ubah, già volontaria nella missione di AMEB di dicembre e ora impegnata nel settore della salute materna e infantile per il Ministero della sanità.

Nonostante le restrizioni agli spostamenti, questa esperienza conferma la scommessa del progetto realizzato grazie al contributo del bando AMICO Grant di OIM: valorizzare le competenze della diaspora somala per creare iniziative di scambio e crescita professionale fra Somalia e Italia.