خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina
30
Set
2020

Donazione di Papa Francesco per i migranti in Bosnia Erzegovina

In occasione della giornata mondiale del migrante e del rifugiato, celebrata il 27 settembre, Papa Francesco ha deciso di inviare attraverso la Nunziatura Apostolica in Bosnia Erzegovina un segno concreto di sostegno ai migranti e ai loro accompagnatori.
La distribuzione degli aiuti è affidata alle organizzazioni umanitarie cattoliche presenti sul campo, ovvero Caritas Bosnia, Caritas Italiana, Ipsia Acli e il Centro Arcidiocesano di pastorale giovanile Giovanni Paolo II di Sarajevo.
“Questo gesto di Papa Francesco – commenta Mauro Montalbetti, presidente Ipsia – è per noi anche un segnale commovente  di riconoscimento del lavoro che gli operatori e i volontari di Ipsia in Bosnia, coordinati da Silvia Maraone, stanno svolgendo da tanti anni sulla tormentata rotta balcanica insieme alla Caritas italiana, ambrosiana  e bosniaca”.
“Nel 2019 – si legge in un comunicato della Nunziatura apostolica di Sarajevo – circa 30.000 migranti sono transitati per la Bosnia, divenuta tappa fondamentale della cosiddetta rotta balcanica, sempre più frequentata dai migranti che dall’oriente tentano di entrare nell’Unione europea”.
Con la donazione di Sua Santità verranno istituiti due servizi: accoglienza, animazione e supporto psicologico nei centri di transito di Ušivak (vicino a Sarajevo) e Sedra (vicino a Bihać), dove al momento sono ospitate numerose famiglie con bambini e minori non accompagnati. Il secondo servizio prevede la fornitura di indumenti, coperte, cibo e articoli sanitari, tra questi anche presidi anti-Covid.


Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Il Kenya a Milano

Il Kenya a Milano

IPSIA partecipa alla promozione dell’evento “Il Kenya a Milano”, organizzato dalla Rivista Africa a Milano venerdì 30 settembre 2022 (ore 18-22)

Corso di lingua e cultura SWAHILI

Corso di lingua e cultura SWAHILI

Dopo la pluriennale esperienza del corso di serbo-croato-bosniaco della nostra sede di Milano, IPSIA ha deciso di collaborare con la Rivista Africa per organizzare un corso online di introduzione alla...

Nasce IPSIA Kenya Magazine!

Nasce IPSIA Kenya Magazine!

Una pubblicazione pensata per dare visibilità ai progetti in corso e conclusi, i risultati raggiunti, l’impatto di queste iniziative sulla vita dei beneficiari.

Online il bilancio sociale 2021 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2021 di IPSIA

Nell’illustrare in brevi punti le attività di IPSIA nel 2021 nel settore della cooperazione allo sviluppo, possiamo riaffermare la centralità del continente africano e del tema delle migrazioni

Migrazioni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Lipa: inaugurati due nuovi capannoni

Martedì 10 maggio, presso il TRC di Lipa a Bihać in Bosnia Erzegovina, sono stati inaugurati due nuovi spazi dedicati alla distribuzione di pasti e che saranno a disposizione di...

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Aiutiamo la famiglia Adday a ricongiungersi con una donazione

Tutti riconosciuti come profughi, ma lontani da quasi 5 anni. Truffati e bloccati. “Vogliamo solo tornare a vivere insieme e dimenticare la guerra in Siria”

Appello all'UE: Ripristinare i diritti e i valori alle frontiere dell'Europa

Appello all'UE: Ripristinare i diritti e i valori alle frontiere dell'Europa

Come società civile europea che si occupa di asilo, migrazione, assistenza umanitaria e diritti umani, siamo sconvolti dalla crisi umanitaria tra l'UE e la Bielorussia

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori