خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Microimprese rurali in Senegal
05
Mar
2018

Microimprese rurali in Senegal

Il progetto PAISIM - Programma di Appoggio all'Impresa Sociale e all'Iniziativa Migrante – entra nel pieno del suo primo anno di lavoro. Il progetto, cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, coinvolge diversi partner in Italia e Senegal: le ONG italiane CISV, RE.TE, l’associazione della diaspora SUNUGAL, le organizzazioni contadine Asescaw e Fapal, organizzazioni e attori istituzionali come Etimos FoundationCreditoSudCISAO, Comune di Milano e Città di Torino. L’obiettivo del progetto PAISIM è quello di supportare la microimprenditoria rurale, dando la priorità ai giovani, alle donne e alle iniziative sostenibili e “verdi” e valorizzando il contributo della diaspora allo sviluppo del proprio paese di origine.

Se in Italia è ancora in corso la selezione delle 10 Imprese di Iniziativa Migrante avviate o pensate da migranti senegalesi, in Senegal si è da poco conclusa la selezione delle 210 micro-imprese rurali che beneficeranno del sostegno del progetto, settanta per ogni regione di intervento (Saint Louis, Louga e Thiès). 

IPSIA e Sunugal hanno gestito una prima fase di sensibilizzazione e informazione delle comunità coinvolte attraverso la presentazione delle attività e l’apertura di un bando pubblico nei comuni della regione di Thiès. Le micro-imprese rurali interessate hanno ritirato e poi compilato una scheda presentando l’attuale situazione della propria attività e descrivendo il proprio progetto di impresa.

Un comitato indipendente, composto da rappresentanti delle autorità locali, ha eseguito una prima selezione delle micro-imprese basata su schede anonime e su criteri stabiliti: il profilo dell’impresa, la sua organizzazione e la sua gestione, il suo profilo sociale e ambientale, la percentuale di giovani e di donne coinvolti, la fattibilità economica e finanziaria.

Durante il mese di febbraio lo staff di IPSIA e Sunugal ha visitato nella regione di Thiès più di 100 micro-imprese rurali raccogliendo storie e informazioni di produttori attivi nel settore agricolo, nella trasformazione dei cereali, della frutta, nell’allevamento e impegnati a sostegno delle loro comunità, dei veri imprenditori sociali che forse non sanno ancora di esserlo. Compito del progetto sarà di accompagnare 210 di queste microimprese nella realizzazione di un’attività economicamente sostenibile, rispettosa dell’ambiente e che generi impatto sociale.

Ultime notizie

Maziwa ni pesa!

Il progetto Maziwa, che supporta la filiera del latte in Kenya, giunge al termine della prima annualità portando benefici a oltre 2000 produttori riuniti in cinque cooperative nella regione di...

A Scutari operatori in formazione

Continuano i corsi di formazione e aggiornamento per gli operatori che lavorano nei servizi residenziali per orfani di Scutari. Sono circa 60 le persone che da febbraio stanno prendendo parte agli...

La primavera al confine dell'Unione Europea

Con l’arrivo della primavera il numero di persone che tenta di attraversare il confine tra Bosnia Erzegovina e Croazia è aumentato

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.