خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Bando per imprese sociali di iniziativa migrante - Senegal
13
Dic
2017

Bando per imprese sociali di iniziativa migrante - Senegal

Bando per imprese sociali di iniziativa migrante in Senegal

PAISIM promuove l’imprenditorialità sociale di iniziativa dei piccoli produttori senegalesi e della diaspora, offrendo risposte ai bisogni di 210 micro imprese rurali e 10 imprese di iniziativa migrante, valorizzando e condividendo le competenze territoriali e tematiche degli attori coinvolti. Nelle Regioni di Thiès, Louga e Saint Louis.

In collaborazione con lo sportello B.A.S.E - Bureau d’Appuis aux Sénégalais de l’Exterieur di Milano, il Programma di appoggio all’impresa sociale e all’iniziativa migrante nelle Regioni di Saint Louis, Louga e Thiès – PAISIM (AID 10917) vuole contribuire ad una migliore definizione delle caratteristiche delle imprese e degli imprenditori sociali in Senegal, il loro contributo all’economia e allo sviluppo socio culturale del territorio ed offre, a 10 Imprese di Iniziativa Migrante (IIM), un percorso di rafforzamento alle attività economiche che hanno:
•    promotori di imprese o start-up senegalesi risidenti sul territorio italiano disponibili a spostamenti di lavoro a Torino e Milano le cui aziende operino o vogliano operare nelle Regioni di Saint Louis, Louga e Thiès in Senegal;
•    una produzione di beni o servizi continuativa e non saltuaria;
•    un livello significativo di rischio economico come, ad esempio, le attività agricole di produzione, trasformazione, commercializzazione e di prestazione di servizi agricoli nonché imprese “verdi” (imprese attente alle questioni ambientali e operanti nel settore della promozione e della difesa della biodiversità o della gestione razionale delle risorse naturali, per esempio, agricoltura biologica, agro-ecologia, bio tecnologia, energie rinnovabili utili alla produzione agricola, produzione di biogas e utilizzo razionale delle risorse naturali);
•    come esplicito obiettivo quello di produrre benefici a favore della comunità e quindi occuparsi della produzione di beni o servizi coerenti con l'obiettivo;
•    che sono frutto di un'iniziativa collettiva, cioè promossa da un gruppo di persone, sarà premiante il carattere transazionale dell’impresa, che valorizza l’esperienza migrante in Italia oppure la caratteristica familiare con il proprio territorio di origine;
•    una partecipazione ai processi decisionali allargata, che coinvolga, almeno in parte, le persone o i gruppi interessati all'attività (quindi non solo i lavoratori o non solo gli utenti, come nel caso delle cooperative tradizionali);
•    prevedere una distribuzione limitata degli utili oppure un reimpiego in iniziative di carattere sociale.

Ogni imprenditore sociale della diaspora senegalese che desidera partecipare alla proposta deve:

•    Compilare e inviare la domanda di partecipazione ("Scheda candidatura imprese avviate" oppure  "Scheda candidatura imprese star up"entro il 30 APRILE 2018 alle ore 18.00 all’indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
•    Partecipare alla selezione delle 10 idee di Impresa di Iniziativa Migrante (IIM) nel settore primario o “verde”e seguire attivamente il percorso proposto dal progetto.

Il progetto prevede di supportare le Imprese di Iniziativa Migrante (IIM) attraverso:

•    un’analisi dei bisogni specifici volta all’accompagnamento delle Impresa di Iniziativa Migrante (IIM) per la formalizzazione giuridica in Senegal, se necessaria;
•    la formazione tecnica in Senegal per chi segue le attività quotidiane dell’impresa ed il loro Bilancio di Competenze;
•    un contributo per l’acquisto degli equipaggiamenti necessari all’attività con un fondo di dotazione, non rimborsabile, di circa 3.000 euro;
•    educazione finanziaria e formazione in gestione dei rischi con moduli formativi adeguati e formatori specializzati;
•    appoggio alla promozione commerciale e all’inclusione finanziaria delle Impresa di Iniziativa Migrante (IIM) con esperti di marketing e accordi con Istituti di Micro Finanza (IMF) per accedere ad un credito fino a 6.000 euro.

Per tutte le informazioni contattare la coordinazione del progetto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Notizie più lette

Viaggio in Bosnia Erzegovina per il miniponte del 2 giugno

Sono aperte le iscrizioni per il viaggio naturalistico culturale nel Parco Nazionale della Una, nel Nord Ovest della Bosnia Erzegovina, alla scoperta di paesaggi, tradizioni e sapori, dal 29 maggio...

Servizio Civile: candidature entro il 23.04!

Ricordiamo agli aspiranti volontari che è il 23 aprile la data entro la quale devono pervenire alla sede nazionale delle Acli di Roma le domande di partecipazione per il progetto “Promuovere partecipazione...

Lotteria IPSIA 2015 per Terre e Libertà e Alimentare lo Sviluppo

Il 20 luglio 2015 alle ore 20.00 c/o la sede della Acli Provinciali di Milano, si è tenuta l’estrazione della “Lotteria IPSIA 2015″. 3644 il numero dei biglietti venduti. Di...

Presentazione campo di volontariato estivo in Senegal

Giovedì 16 aprile 2015 c/o NIOFAR - 4° festival dell'amicizia itaolo-senegalese verrà presentata la proposta di campo estivo e il progetto di cooperazione internazionale "Alimentare lo Sviluppo".

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.

Calendario notizie